Come guadagnare all’estero? L’importanza di essere italiano

Come guadagnare all'estero? L'importanza di essere italiano.L’Italia che conta esiste: ecco perché tu ne sei parte.

Voglio rivolgermi direttamente a te.

Se stai leggendo questo blog, molto probabilmente sei un imprenditore, oppure un professionista, in ogni caso una persona sveglia che cerca qualcosa in più.

Probabilmente sei anche una persona che si sta impegnando tanto, nonostante questa crisi, per portare a casa qualche risultato.

Ma per quanto tu ti possa dare da fare, a causa delle tasse, delle spese, dell’infinita burocrazia ecc… in concreto ottieni sempre pochi spiccioli. Purtroppo, questa è la realtà che dobbiamo sopportare in Italia.

Più ti dai da fare e più la crisi sembra accanirsi contro di te.

Sai benissimo che chi ci governa non è interessato minimamente a risolvere la situazione, perché preferisce tirare avanti, tanto ha le spalle coperte e sa che in caso di necessità di bilancio basterà inserire una nuova tassa che i cittadini, quindi anche tu, dovranno pagare.

Sarai sempre tu a dover far fronte a costi, tasse, bollette sempre più care senza avere niente in cambio, e inoltre se malauguratamente ti capitasse un’ingiustizia, la legge difficilmente ti darà ragione.

In questa situazione, in cui tutto è contro di te, se riesci a essere in pari o persino ad avere un guadagno, lascia che te lo dica: tu non sei nella norma, tu per me sei un eroe!

Se pensi a questo, è bene che anche tu inizi a dare una piccola svolta al tuo futuro.

Chi è nella tua stessa situazione sta già diversificando pensando all’estero come un’opportunità e anche tu devi iniziare a pensarci.

Mi spiego meglio: non sto dicendo che devi espatriare, avrai sicuramente un’attività, degli impegni o dei legami affettivi (famiglia, amici, parenti) che non puoi lasciare.

Ciò che ti sto consigliando è pensare, il prima possibile, di investire all’estero.

Dobbiamo essere onesti: le cose, in Italia, non miglioreranno nel breve periodo, servirebbe molta liquidità che nel nostro paese non c’è, ci vorrebbe una detassazione per le imprese che non avverrà subito, perché la nostra classe digerente preferisce fare altro con il denaro, e ci vorrebbe un cambiamento di mentalità che non può avvenire velocemente.

Perciò devi smettere di aspettare e devi iniziare a pensare al tuo futuro in modo più intelligente. Investire all’estero è un progetto da inserire nei propri obiettivi a breve termine. I modi per farlo sono molti e li puoi scegliere autonomamente.

Quello che posso fare io, per ora, è mettere a tua disposizione costantemente del materiale inedito e in modo gratuito.

Il mio consiglio è di prenderti del tempo per sfruttare, per prima cosa, tutte le informazioni gratuite che trovi in questo blog e (nel caso non lo avessi ancora letto) ti consiglio di scaricare il mio ebook.

Tutto materiale che non ti costa assolutamente nulla ma ti sarà sicuramente utile.

Perché lo devi fare?

La ragione è molto semplice: se riesci a stare in piedi con la pressione fiscale italiana, con tutti i suoi problemi burocratici connessi a questo paese, con questa economia che, a causa dell’ignoranza di chi ci ha governato, è sempre più depressa, allora negli Stati Uniti non puoi che avere successo.

Infatti, oltreoceano dovrai confrontarti con una pressione fiscale minore, una burocrazia più snella e un’economia molto più liquida.

Ma negli Stati Uniti noi italiani non “siamo visti male”?

Come sappiamo bene entrambi, a noi italiani piace parlare male di noi stessi e perciò pensiamo che ci considerino molto peggio di quanto succeda in realtà. Ma la verità su come siamo visti fortunatamente è ben altra.

Preciso da subito che la nostra politica non interessa per nulla agli Stati Uniti, innanzitutto perché non siamo un paese cruciale per i loro interessi e poi perché siamo troppo piccoli rispetto alla visione globale che hanno del mondo.

Di conseguenza non seguono affatto le nostre vicissitudini.

Di contro amano la moda italiana e adorano acquistare brand del made in Italy; adorano la nostra cucina più della loro, come testimonia questo sondaggio.

Va detto anche che gli americani sono affascinati dalla nostra storia, che è decine di volte più antica del loro paese; amano la nostra arte.

Oltre a tutti questi aspetti che ci riconoscono, possediamo una particolarità che quasi nessun’altra cultura ha, questa qualità è la conferma del perché molti italiani stanno avendo successo negli Stati Uniti e in tutto il resto del mondo.

È una capacità che, se sei da molto in Italia, hai sviluppato sicuramente.
È la capacità di non fermarsi davanti a un problema.

Un italiano, a differenza di un cinese, di un inglese o di un americano, non è impaurito e non si ferma mai di fronte a un problema, per quanto grande sia, continua a pensare finché non trova la soluzione.

Si tratta di un qualcosa che anche tu hai imparato a fare e stai facendo tutti i giorni, altrimenti in Italia non riusciresti nemmeno a vivere.

Ma sono certo che sai esattamente di cosa sto parlando, lo fai tutti i giorni… di fronte a mille problemi, ci ragioni, ci pensi anche la notte, ne parli con gli amici e non ti fermi finché non trovi la soluzione, fa parte della nostra cultura.

Noi italiani siamo abituati a risolvere un numero di problemi mediamente superiore di tre o quattro volte rispetto a chi vive in altri paesi.

Quindi, senza considerare la classe dirigente, prova a immaginare quali potenzialità possiede l’Italia.

Ora anche tu stai realizzando perché molti dei tuoi amici che hanno deciso di andarsene all’estero stiano avendo così tanto successo.

Non si tratta di una questione di intelligenza o ignoranza, il punto è che siamo talmente allenati a risolvere problemi qui in Italia, che all’estero, dove il sistema ti agevola, la burocrazia è minore e la gente ne approfitta meno, ci ritroviamo con una marcia in più rispetto agli stessi cittadini di quel paese.

Ecco, quindi, che l’italiano all’estero è ricercato e risulta la soluzione adeguata per molti imprenditori che pagano volentieri qualcuno che risolva i problemi in azienda.

Comunque, chi ha provato ad andare all’estero ti dirà anche che non basta partire, andare negli Stati Uniti da solo, investire, per ottenere i risultati senza difficoltà, in modo automatico.

Lo sai bene anche tu: per avere successo in un paese straniero bisogna adattarsi alla cultura locale, bisogna capire come funzionano le cose, cosa piace e cosa non piace alle persone, quali sono i comportamenti corretti da tenere, ma soprattutto, bisogna capire come sfruttare le proprie capacità per guadagnare.

In conclusione

Questo blog ha così tante informazioni perché è nato per aiutarti a far proprio questo. Come vedi, non parlo solo di investimenti immobiliari, ma parlo anche di abitudini e di cultura.

Voglio farti entrare dentro al loro modo di pensare.

La mission di Real America Estate™ è rappresentare l’Italia migliore, portare il meglio dell’Italia negli USA, guadagnare all’estero usando al meglio le capacità che abbiamo noi italiani.

Dobbiamo essere ambasciatori della migliore Italia, quella che si dà da fare, l’Italia di cui nessuno parla mai.

Ma per realizzare tutto questo servono i passi e i metodi giusti.

Perciò non farti scappare questa occasione, viene a scoprire come da italiano puoi guadagnare negli Stati Uniti sfruttando la loro abitudine di cambiare casa spesso, scegliendo fra una di queste opzioni opzioni.

Opt In Image
Oggi centinaia di italiani stanno guadagnando con gli immobili negli stati uniti

Scopri anche tu come acquistiamo immobili all'asta negli USA direttamente da banche ed istituzioni:

• No ad immobili scadenti
• Basta affidarsi ad agenzie che non sanno quello che fanno
• No ad incertezze, sì ad un sistema dedicato per acquistare immobili in America

Ho letto la privacy come chiesto dalla L.196/2003.

La nostra polizza sulla privacy protegge il tuo indirizzo email al 100%. Se desideri non ricevere più le nostre email, potrai cancellarti in qualsiasi momento tramite il link posto nelle email stesse, cosi’ come chiesto dalla L.196/2003.

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vanni Valente